background
logotype
image1 image2 image3

Arte... e polistirolo

gruppo.jpg

Già. Non c'è materiale che non si presti ad una rielaborazione artistica. Dall'antichità gli uomini hanno usato la terra e i colori della natura, poi sono passati a materiali ritenuti più "nobili", il marmo, le pietre semipreziose, il bronzo, l'avorio...  

La modernità ha aperto la strada ai materiali cosidetti poveri e, in genere, all'uso di un qualsiasi materiale per la realizzazione di opere d'arte. Anche il polistirolo. La bellezza dell'opera non sta nel materiale, ma nella genialità dell'artista.

Perché è innegabile che le chiese di Ezio Molinengo, realizzate senza particolari competenze architettoniche e con un uso del computer definito "per tentativi ed errori", siano opere d'arte: riproduzioni dettagliate e fedeli di ciò che gli uomini hanno realizzato nel tempo nelle nostre valli, dal minuscolo pilone al maestoso santuario di San Magno, dalle colonne di pietra di San Maurizio ai capitelli di San Giovanni o di San Pietro.

L'esposizione di Valgrana è davvero un patrimonio per la comunità locale, un invito a osservare, studiare, riflettere sul cammino dell'arte e della fede nelle nostre terre.

070.jpg

IMG-20190105-WA0006 copia.jpg

a sinistra, il Santuario di San Maurizio; sullo sfondo, i piloni della Valle Grana. Sopra, il santuario di San Magno.

VivereCervasca - CF.: 96091000040 - Realizzato da: Sidom s.a.s. - Logo by Mendel Myslabodski
Template by globbers joomla templates

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information